Le persone e la società nel loro sviluppo attraversano le stesse fasi. Così afferma che Don Beck, che ha studiato l’evoluzione della coscienza: collettiva e individuale. Da quale fase siamo ora, i nostri desideri, bisogni e relazioni con altre persone dipendono.

La teoria delle dinamiche a spirale, inventata nel 1960 dalla psicologa americana Clare Graves, divenne popolare trent’anni dopo grazie al suo studente Don Beck. Ma questa volta – nel campo della psicoterapia. La dinamica a spirale divide l’evoluzione della coscienza in fasi successive, ognuna delle quali è correlata a un certo colore.

Il comportamento del bambino è guidato da impulsi vitali – così come tribù primitive. Questa fase nella spirale corrisponde al beige. Il bambino sta crescendo, gli sembra che il mondo sia pieno di magia e che i clienti grandi e forti controllano la sua vita – come nelle società tradizionali con culti sciamanici. Questo è un periodo viola. Quindi segue il periodo rosso in cui il bambino rivendica il suo ego, spesso in una forma piuttosto aggressiva: gli stati barbari bellicosi fanno lo stesso. La fase blu arriva dopo: il bambino entra in un’era consapevole, cerca di mettere in ordine pensieri e sentimenti – nella società questa fase corrisponde al periodo della formazione di stati moderni e religioni del mondo.

Colore (fasi) a spirale

  • BEIGE – La prima fase di sviluppo. In primo luogo sono esigenze personali e quella principale è la necessità di sicurezza. Corrisponde alla coscienza di un bambino a due anni e allo stadio della società primitiva.
  • VIOLA – Il periodo “noi” (periodo magico). All’età di 2-4 anni, il bambino si identifica con la famiglia, con il gruppo, non separa il suo “io” dalla squadra. Sulla scala della civiltà, “viola” sono comunità con forti culti sciamanici e fede negli spiriti degli antenati.
  • ROSSO – Il periodo dell’egocentrismo. All’età di 4-8 anni, le azioni del bambino sono controllate dal suo ribelle “I Want”. Solo un inizio più forte e controllante può fargli riconoscere i bisogni di altre persone. Nella storia, i giovani stati barbari e le popolazioni nomadi, lottando per le conquiste, lo hanno fatto.
  • BLU – Il periodo di ordinazione

    Lubrificante, o lubrificazione, è la cosa più necessaria per i giocattoli intimi. Non utilizzare sostanze in silicone o oleosa con dispositivi in ​​silicone. Altrimenti, la superficie di un tale giocattolo diventerà e possibile confessare il tradimento l opinione di e poi danneggiata. Dopo aver completato le battaglie del letto, è richiesta la mia “arma”.

    . Un figlio di 8-12 anni scopre norme e regole per se stesso, impara a controllarsi e trattenere i suoi desideri di andare d’accordo con gli altri. E gli imperi creano costruzioni politiche complesse e sistemi burocratici per ripristinare l’ordine in aree conquistate.

  • ARANCIA – Il periodo dell’individualismo. L’adolescente sta cercando il suo “io”, prova forza, controlla i confini delle sue capacità. Questo comportamento è anche caratteristico delle società del New Age, in cui la vita determina il rischio, la trasformazione del mondo, il profitto e la concorrenza.
  • VERDE – Periodo di crescita della coscienza. Un adulto per imparare a pensare alle sue azioni, tenere conto delle possibili conseguenze negative per gli altri e per il mondo che lo circonda. La democrazia regna nella società “verde”, le persone sono disturbate dalle questioni dell’ecologia e del consumo razionale.
  • GIALLO – Il periodo della sistematicità. Una coscienza “gialla” matura è consapevole della complessità del mondo, impara a comunicare con culture diverse, comprendere la loro logica, cerca di stabilire contatti tra loro. Non sono più gli Stati, ma le singole società, le organizzazioni e le persone operano a questo livello. Ad esempio, i creatori di lingue universali come Esperanto e social network globali.

Come ci capiamo

Don Beck ha affrontato molti problemi di crescita personale e ha anche viaggiato attivamente, in particolare, ha visitato l’Africa più di 60 volte, dove ha cercato di usare le sue capacità per aiutare i regimi locali a passare alla democrazia. Don Beck è giunto alla conclusione che molti problemi personali e collettivi provengono dal fatto che le persone sono in diverse fasi di sviluppo e semplicemente non possono capirsi. Ma puoi aiutare le persone e le società con diversi “fiori” a trovare una lingua comune, non importa cosa. Ad esempio, come possono costruire i contatti della società “blu” (teocrazia o paese comunista) e “arancione” (paese multinazionale o associazione commerciale) del tipo? Il modello Graves e Bek mostra che problemi simili si verificano tra un figlio di otto anni, un desiderio di ordine e un adolescente di diciotto anni che apprezza soprattutto l’indipendenza e la creatività.

Ma questa gamma di opzioni è interamente presente in ognuno di noi. Si scopre che le fasi dello sviluppo non si sostituiscono a vicenda, come paesaggi fuori dalla finestra del treno, ma si accumulano l’uno sull’altro come uno strato culturale. Inoltre, ciò accade in modo non uniforme: nella personalità di ogni persona, la combinazione di “colori” è unica e dipende dalla sua esperienza di vita, esperienze e decisioni che prende. Nel nostro cervello, la sua parte più antica, “rettiliana” in cui sono localizzate unità profonde, ma accanto ad esso c’è il sistema limbico responsabile delle emozioni e della neocorteccia, che è responsabile della mente e del pensiero razionale. Allo stesso modo, diverse fasi delle spirali coesistono negli Stati Uniti e sono attivate in determinati punti sotto l’influenza degli impulsi. Riconosci il colore che il colore domina in questo momento è il primo passo per guadagnare armonia interiore, secondo Don Bek.

Colori primari

Jacques Ferber, psicologo cognitivo della Montpellier University (Francia), insegna ai suoi studenti Spiral Dynamics. “Guardando noi stessi, con i nostri desideri e interessi, possiamo determinare quale parte della spirale sia al momento”, spiega. – I lettori della rivista Psychologies hanno ogni possibilità di essere “arancione” (una caratteristica caratteristica è una ricerca attiva per te) o “verde” (preoccupazione per lo stato della società, il desiderio di tenere conto degli interessi degli altri nelle loro azioni). Di norma, le persone con il dominio di un certo colore in una spirale si trovano in aree che richiedono competenze adeguate. Ma i valori dell’azienda e dei suoi dipendenti potrebbero non coincidere: ad esempio, ci sono molti “rossi” tra Greenpeiser, mentre è importante trovare un compromesso in un ambiente aziendale, quindi ci sono molti professionisti con “verde “Energia.

L’idea principale che Don Beck stia cercando di trasmettere: possiamo trovare la strada per un conflitto senza una comunicazione se capiamo che gli altri non sono sempre con noi allo stesso livello di comprensione. Questo dovrebbe essere ricordato prima di tutto per coloro che si trovano in una posizione più alta. “Nei paesi sviluppati, osserviamo l’interazione di tre colori primari: blu (statisti e nazionalisti), arancione (liberali e uomini d’affari) e verde (socialdemocratici ed ecologi)”, afferma Don Beck. – Dove ci sono tre colori, ci sono tre logiche reciprocamente esclusive. Per uscire dall’impasse, l’umanità deve raggiungere il livello successivo – giallo “.

Alleanza di iPhone e bambù

Una persona con una visione del mondo “gialla” comprende quanto sia complicato il mondo e tiene conto del ruolo di diversi modelli di pensiero e comportamento nel suo sviluppo. “Yellow” è un integratore in sostanza, è molto mobile, si sente a mio agio ovunque: in un laboratorio di ricerca, in una sinagoga, una moschea o un tempio e allo stesso tempo tra i pensatori liberali. Gli americani chiamano un tale stile di vita “l’alleanza di iPhone e bambù”. “Giallo” è spesso efficace come negoziatore, perché sa quali argomenti agiranno su altre persone. Usa argomenti “arancioni” (interesse, logica causale, vantaggi), parlando con imprenditori e capi delle società;In una conversazione con figure religiose e membri delle società tradizionali, userà argomenti dell’arsenale “viola” (valori familiari, precetti morali, intuizione interna). “La generazione di oggi Z, la generazione di venti anni, è molto adatta a questa definizione”, è sicuro Jacques Ferber. – Sa come comunicare a livelli diversi, passando rapidamente da un’azienda all’altra, è mobile e aperto per una nuova esperienza. Solo quelle qualità che corrispondono allo stadio giallo “.